Un saporito temporary shop  di arti applicate contemporanee come hors d’oeuvre della Galleria delle Botteghe alle OGR per Italia 150

nella Galleria Sottana del MIAAO

fino al 6 gennaio 2011

 

Per il quinto anno consecutivo la Galleria Sottana del MIAAO si è trasformata in un eccentrico temporary shop delle  arti applicate contemporanee e del design autoprodotto, soprattutto giovanile e italiano: gioielli e bijoux; arte tessile e moda; ceramiche e accessori per il corpo; oggetti di design e gadgets e molto altro ancora. Un’inedita anteprima, in formato ridotto, della Galleria delle Botteghe che aprirà alle ex Officine Grandi Riparazioni di Torino nel marzo 2011 all’interno della mostra Il futuro nelle mani. Artieri Domani, curata da Enzo Biffi Gentili e dal Seminario Superiore di Arti Applicate/ MIAAO nell’ambito delle Celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Proprio in vista di questo grande evento la mostra-mercato di quest’anno, sostenuta dall’assessorato al Commercio della Regione Piemonte e dalla Fondazione CRT, propone artefatti di artieri e designers prevalentemente italiani, alcuni dei quali già si sono cimentati con la realizzazione di creazioni ispirate al Tricolore.

 

Sartoria creativa

Il MIAAO propone per il 2010 un vasto assortimento di capi sartoriali che si contraddistinguono per l'innovazione nella ricerca delle forme e per l'utilizzo di materiali eco-sostenibili e riciclati, in linea con le nuove tendenze etico-estetiche: dai capi di sartoria creativa della stilista bolognese Caterina Frongia/ t-fish che propone gonne in aramide e abiti in lino grezzo serigrafati con la serie di Fibonacci, alle borse e pochette della Sartoria torinese l'Orlando Furioso, che propone la serie Biova (dalla forma del sacchetto del pane), tutta realizzata con il tessuto Okinawa Jacroki, composto al 100% da fibre naturali e carta riciclata; dalle sciarpe cucite dal torinese Davide Viano assemblendo lunghe serie di pregiati calzini spaiati alle t-shirt optical dei giovanissimi fashion designers pugliesi Terapin; dalle bombette, recentemente riportate in auge dai reali inglesi, realizzate in PVC dalla milanese Lisa Cestari, in arte LIKA, ai cappelli stile Borsalino riportati a nuova vita dalla milanese Emilia Dissette/ Custombydog; dalle preziose borse in pelle e ceramica della tedesca Pia Pasalk alle insole pochette in fior di capretto e plexiglass cucite a mano da Zani del Frà per anonimaprogetti , fino alle cartelle in plastica per pavimenti e zip della marchigiana Silvia's Think...

 

Gioiello contemporaneo

In occasione della sua mostra-mercato il MIAAO, per non tradire il suo spirito divertito, è solito giustapporre, con intento divulgativo, la perizia dei grandi maestri e l’eccentricità dei giovani designers del gioiello. Ecco quindi che nell’edizione 2010 si potranno ammirare i preziosi pendenti in porcellana decorata a mano con oro e lustri della ceramista di Castellamonte Maria Teresa Rosa accanto alle divertenti collane in ceramica raku e gomma dell’eporediese Ebe Tirassa; i sofisticati orecchini in argento e foglie d’oro della fiorentina Yoko Takirai affianco alle eccentriche creazioni in argento e matite colorate della romana Maria Cristina Bellucci; gli aristocratici e gustosi bijoux da the delle cinque della napoletana Le Chou Chou giustapposti alle mondane gorgiere da party realizzate con i palloncini dalla torinese Silvia Beccaria; i sacri pendenti raffiguranti la Madonna di Ineke Otte accanto ai secolari portafortuna “peperoncino” della torinese manumara …

Design low-cost

Al MIAAO, da sempre attento al contesto socioeconomico in cui opera, si privilegia un pubblico giovane, spesso di limitati mezzi, attento all’approccio eccentrico al progetto e per soddisfare anche le sue esigenze propone una serie di oggetti di design low-cost, originali e stravaganti, prodotti ora da celebri cugini d’oltralpe come Atypyk (marchio introdotto a Torino proprio dal MIAAO nel 2006) ora da creatori torinesi come Civico13 con le sue borse portabottiglie Vin Vin, Ivan Martini con i suoi reggilibri Sagomé, Lampadesign con le sue lampade colorate decorate da street-artist come HaloHalo, Bruno Petronzi coi suoi “corpi” illuminanti in ferro e LED, e poi Valentino Marengo, Maria Elektra Strachini, Francesca Casati, alivola e molti altri…

Ceramica popolare e porcellana chic

Le porcelle, si sa, sono da sempre un must del MIAAO. Per la selezione 2010 è d’obbligo segnalare la presenza per la prima volta in Piemonte delle elegantissime creazioni di giovani ceramiste polacche, come la pluripremiata serie Single Set di Joanna Chomka/ Mopsdesign, o le ciotole “sempreinpiedi” di Alicja Patanowska e ancora i piatti grafici di Katarzyna Golen e Magdalena Gazur. Affiancate a queste verranno esposte le ceramiche d’uso realizzate dalla biellese Francesca Antoniotti, dalla tedesca Pia Pasalk, dalla torinese ombradifoglia col nuovo progetto we were lucky e la serie animalia tricolore della faentina Mirta Morigi.

 

Inoltre, non bisogna dimenticare le tazzine prodotte dal MIAAO in collaborazione con Atypyk per il progetto Recovery is Possible, promosso dal Centro Studi e Ricerche in Psichiatria di Torino, il cui ricavato andrà a sostegno della ricerca.

 

E infine, al MIAAO potrete acquistare in esclusiva assoluta per Torino il  merchandising culturale della Bottega Reale, il nuovo museum supershop del Castello e del Parco di Racconigi, spazio unico a livello internazionale nel quale è possibile trovare i prodotti di quelli che furono, o sono tuttora, insigniti del titolo di Fornitori di Real Case europee. Come le saponette usate alla Corte di Svezia, tra le quali eccelle la Cremosin, la prediletta del Sovrano Carlo Gustavo; oppure gli araldici gemelli smaltati della ditta Skultuna, attiva dal XVII secolo; o ancora gli ombrelli Fulton usati dalla Regina d’Inghilterra. E, come prove di innovazione basata sulla tradizione, due articoli progettati per la Bottega Reale da Undesign: una t-shirt che riproduce, rielaborato e ringiovanito, il primo marziale stemma di Casa Savoia; una suite di raffinate cravatte jacquard il cui motivo ornamentale, un trilobo neogotico vagamente allusivo, rappresenta anche un omaggio al lavoro di Pelagio Palagi a Racconigi. Questo primo “assaggio” dei prodotti marchiati Bottega Reale al MIAAO necessariamente culmina con alcune delicatezze enogastronomiche che ben rappresentano  il “gran gusto” delle Terre dei Savoia.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Scheda di mostra

Curatore:

Elisa Facchin

 

Assistenti:

Angela Tomasello, Sabrina Cravero

 

Sede:                                      

MIAAO Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi

Galleria Sottana

Via Maria Vittoria 5

10123 Torino

 

Periodo di svolgimento:

fino al 6 gennaio 2011

 

 

Orari di apertura:                      

dal martedì al venerdì ore 16 – 19,30

il sabato e la domenica ore 11-19

 

Aperture straordinarie:  

mercoledì 8 dicembre dalle 11 alle 19

lunedì 20 dicembre dalle 16 alle 19,30

 

Chiuso il:                     

25 dicembre 2010

26 dicembre 2010

27 dicembre 2010

1 gennaio 2010

 

Info stampa:

Tel: 011 0702350

Fax: 011 0702352

 

email miaao.museo@gmail.com