LA LINEA GOTICA

 Photography, Fashion, Paraphernalia

 

Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi, Galleria Sottana

31 ottobre - 30 dicembre 2012

 

Il “gotico”, più di ogni altro stile o genere, ha prodotto e produce “immagini permanenti”, predilette da molte generazioni, sino alle giovanissime, in tutto il mondo. E la mostra La linea gotica  documenta artefatti “neo-neogotici” contemporanei, soprattutto fotografici: innanzitutto quelli di maestri come Sir Simon Marsden, il più grande fotografo gothic inglese, recentemente scomparso; il “foto-grafico” francese Christophe Dessaigne, esperto in “esplorazione urbana” di edifici, sovente industriali, abbandonati; le due note artiste fotografe italiane Giulia Caira e Monica Carocci, tra le prime negli anni ‘90 del secolo scorso a rinnovare una iconografia “gotica”. Accanto a quelle dei maestri le fotografie di “compagni e apprendisti”, giovani artieri, quasi sempre torinesi, alcuni dei quali al debutto espositivo: Art_Missy, Silvia Celeste Calcagno, Clorophilla Clorophillas, Gabriella Di Muro, Andrea Mucelli, Yakumo Kobe… La mostra vuole anche dimostrare il frequente raggiungimento di una pari dignità espressiva nei lavori di questi dieci fotografi d’arte o “di genere” -dal noir al fashion- presenti in musei o solo sinora sul web; di nobili esponenti di culture alte oppure di militanti in controculture e sottoculture, in variegate scelte tecniche e di supporti, dalla camera oscura all’elaborazione digitale, dalle carte pregiate alla ceramica a gran fuoco…

 

IN MEMORIA DI SIR SIMON MARSDEN

Addio, baronetto maledetto

 

Sir Simon Neville Llewelyn Marsden, quarto Baronetto di Grimsby, è nato nel 1948 a Lincoln, nel Lincolnshire, dove ha vissuto in un antico presbiterio sino alla sua precoce morte, avvenuta nel 2011. Si forma all’Ampleforth College nel North Yorkshire e poi all’Università della Sorbona a Parigi. Dal 1969 lavora come fotografo professionista, collaborando con numerose riviste. In seguito a borse di studio assegnategli dall’ Arts Council of Great Britain nel 1975 e nel 1976 viaggia in Europa, Medio Oriente e negli Stati Uniti. Si specializza in fotografia d’architettura e di paesaggio, rinnovando la tradizione del “gotico” nell’accezione anglosassone del termine: rovine, chiese e abbazie, cimiteri, edifici misteriosi, decadenti e “auratici” divengono i temi preferiti delle sue riprese. Tecnicamente, l’effetto “ultraterreno” e inquietante delle sue immagini è intensificato dall’ l’uso di filtri infrarossi e da raffinati procedimenti di stampa su carte metallescenti. Ha prodotto molti album fotografici di gran successo. Le sue opere sono state esposte in importanti musei come il J. Paul Getty Museum di Los Angeles, la Bibliothèque Nationale de France di Parigi, il Victoria and Albert Museum di Londra. In Italia, è “apparso” per la prima volta in una importante mostra nel 2008, inserita nel programma culturale del XXIII Congresso mondiale degli Architetti UIA di Torino, intitolata Dalle città dell’Aldilà, curata da Enzo Biffi Gentili e allestita al MIAAO.

 

Sir Simon Marsden, Self Portrait, fotografia analogica, sd.

 

OMAGGIO A CHRISTOPHE DESSAIGNE

Un fotografo “gotico” e “infiltrato” scoperto per la prima volta a Torino

 

Al MIAAO si tiene anche la prima visione in Europa di alcune fotografie del francese Christophe Dessaigne, invitato come guest star. Le ragioni di questo riconoscimento tributato a un giovane, nato nel 1973 a Perpignan. consistono nel carattere non conforme del suo lavoro e del suo modus operandi. La sua formazione non è artistica o fotografica, ma cinematografica e “fumettistica”. Il suo imprinting è dato, da bambino, dalla visione del finale de Il pianeta delle scimmie, quando Charlton Heston scopre i resti della Statua della Libertà affioranti dalla sabbia. Poi, adolescente, è segnato dall’immaginario perturbante di maestri come Moebius e Druillet e di Métal Hurlant. Autodidatta, inizia a elaborare immagini per copertine di romanzi “di genere”, noir e “gotici”, e si afferma a livello internazionale con cover di best-sellers pubblicati in Francia, Italia -La cavalcata dei morti di Fred Vargas per Einaudi-, Spagna, Germania, Olanda, Inghilterra, Norvegia, negli USA, e crea artwork per molti CD musicali. Ma Dessaigne non è solo un “illustratore”: le sue foto riferiscono di una grande capacità di interpretazione di architetture abbandonate, sono Photographic Novels, apparentabili a dandistici testi come Tra le rovine di Christopher Woodward o I luoghi e la polvere di Roberto Peregalli. Infine, Dessaigne è anche un “esploratore urbano” che crea immagini -alcune delle quali saranno anche esposte sempre a cura del MIAAO alla Fiera Photissima- con l’“infiltrazione” in luoghi pericolosi e pericolanti: una pratica, e una poetica, della violazione.

 

Christophe Dessaigne, Communication Disorder, 2012, stampa fine art su carta cotone da file digitale, 50x70 cm.

 

RATEVULOIRE

Diritti di  precedenza: Giulia Caira e Monica Carocci

 

Ratevuloire, in piemontese, significa pipistrelli, o pipistrelle. E così in modo divertito si potrebbero appellare Giulia Caira (n. 1971) e Monica Carocci (n. 1966) che in mostra presentano loro grandi immagini emblematiche, e “storiche”. Anche se le due eccellenti torinesi sono da sempre considerate artiste che usano la fotografia, e non certo fotografe “di genere”, sono state entrambe ritenute da certi critici iscrivibili in una “linea gotica” già molti anni fa, e come tali “esposte” in mostre dichiaratamente, sin dal loro titolo, “tematiche”. Giulia Caira partecipa infatti nel 1995 a Delirium Design, un omaggio a Edgar Allan Poe curato da Enzo Biffi Gentili e William Sawaya, a Verona; Monica Carocci è tra i prescelti nel 1997 per l’esposizione Gothic, a cura di Christoph Grunenberg, a Boston (ma anche recentemente alcune sue atre foto di simbolici siti subalpini come la Gran Madre o il Monte dei Cappuccini possono autorizzare qualche frisson esoterico…).

 

Giulia Caira, Sukia, 1995, stampa lambda su dibond, plexiglass, 120x180 cm.

 

STORIE DI GIOVANI MOSTRI

Art_Missy, Silvia Celeste Calcagno, Clorophilla Clorophillas, Gabriella Di Muro, Andrea Mucelli, Yakumo Kobe.

 

Oltre a Marsden, Caira e Carocci, dall’opera magistrale, e a Dessaigne, già affermato a livello internazionale nella “foto-grafica” editoriale, la mostra documenta anche lavori “neo-neogotici” di esponenti di una nuova, anche giovanissima, generazione. A partire dalle “fotoceramiche” di Silvia Calcagno (n. 1974), albisolese, che propone installazioni di “piastrelle” sulle quali compare sempre lo stesso autoritratto -quasi nelle vesti di un’Ofelia contemporanea- ma esteticamente sempre differente per gli effetti del fuoco. Poi, la jeune équipe turinoise: alcuni esiti di shooting della fashion photografer Gabriella Di Muro (n. 1984), esposta in permanenza alla Bottega Reale, ça va sans dire arredata in stile neo-gotico, del Castello di Racconigi; e ancora, restando nelle Terre dei Savoia, le fantomatiche visioni notturne di Andrea Mucelli (n. 1974) del neogotico Cimitero di Dogliani; le allucinate evocazioni, alcune delle quali eseguite alla Reggia di Stupinigi, di Roberta Vernaglia (n. 1986), aka Art_Missy; una lettura delle OGR come Dark Church, prima di Italia 150, di Marco Paolini (n.1981), aka Yakumo Kobe; e infine i travestimenti e le manipolazioni, reali e digitali, di Ludovica Basso (n. 1986), aka Clorophilla Clorophillas, formatasi allo IED di Torino.

 

 

Art_Missy, Illusione a Stupinigi, 2009, stampa fine art su carta cotone da file digitale, 40x72 cm.

 

Andrea Mucelli, Cimitero di Dogliani, 2010, stampa fine art su carta cotone da file digitale, 40x72 cm.

 

Gabriella Di Muro, Quasi Ofelia, 2012, fotografia digitale, stylist Andrea Donetti, make up Valerio Sestito, modella Abiguel/Urban model management.

 

FASHION E PARAPHERNALIA

 

A corredo della sezione principale della mostra, quella fotografica, saranno esposti manichini, abiti, accessori, oggetti di scenografi, stilisti e designer anch’essi suggestionati dall’ immaginario gotico.